Commercio elettronico in Russia (e-commerce)

 

Le dimensioni della Russia, la distanza tra le grandi città e la disponibilità di internet (ne abbiamo scritto QUI) hanno determinato lo sviluppo del commercio elettronico in Russia.

La posizione di leader su questo mercato è stata assunta dai grandi strumenti russi di commercio elettronico, denominate “marketplace”. Di questo particolare strumento di commercio elettronico Vi parleremo di seguito.

I marketplace russi

 

Cominciamo con un dato interessante. Nel 2019, la “Economist Intelligence Unit”, su incarico del gruppo Facebook, ha condotto uno studio indipendente sulla disponibilità e il grado di utilizzo di Internet nel mondo. Lo studio definitivo, denominato “The Inclusive Internet Index”, è stato compilato con dati ricavati dall'analisi sull'accessibilità ad Internet in 100 Paesi, che rappresentano un totale del 96% del PIL (prodotto interno lordo) mondiale. La Russia si è piazzata al 19 ° posto in una posizione elevata - subito dopo la Germania e l'Italia. Potete trovare i risultati dello studio QUI.

L’ampia disponibilità di internet in un settore dove i punti vendita commerciali sono in numero limitato all’interno delle varie regioni, ha determinato la diffusione degli strumenti di vendita elettronici.

La crescita del commercio elettronico è stata analizzata dall’agenzia “Data Insight” nel suo studio annuale. “ Commercio via internet in Russia 2019”, registrando le seguenti statistiche: la crescita degli ordini è aumentata del 41% in un anno, la crescita dei ricavi in rubli del 25%. Queste statistiche hanno tenuto conto solo del commercio al consumo all’interno della Russia (esclusi turismo ed altri servizi, vendita di piatti pronti, acquisto di biglietti per spettacoli, eventi e mezzi di trasporto etc.).

Nell’ultimo anno i siti di commercio su internet nazionali (marketplace) come Wildberries, Beru, Ozon, Lamoda ed altri, si sono sviluppati con notevole dinamismo. Nello stesso tempo “Data Insight” nei suoi studi specializzati rileva alcune caratteristiche particolari a seconda del settore.

Abbigliamento e calzature: Nel periodo luglio 2018 – giugno 2019 Wildberries.ru è salito al primo posto nella vendita via internet di abbigliamento e calzature, assumendo la posizione di leader del mercato con una quota del 49%.

Elettronica ed elettrodomestici: Il 14% di tutti gli ordini via internet, tra i 1000 rivenditori più importanti nel periodo luglio 2018 – giugno 2019, ha riguardato l’acquisto di articoli di elettronica ed elettrodomestici. La quota in termini di ricavi è stata del 34% ed il rivenditore più importante: Citylink.ru.

Articoli per la casa e fai da te: il 6% di tutti gli ordini via internet, tra i 1000 rivenditori più importanti nella prima metà del 2017 ha riguardato l’acquisto di prodotti per la casa e per il fai date. A causa della più alta percentuale di margini, la quota dei ricavi è pari al doppio col 12%. Il rivenditore più importante è Vseinstrumenti.ru.

___________________________________

Associazione Nazionale del Commercio a Distanza (NADT)

Le attività delle società di commercio a distanza che fanno parte dell'Associazione sono conformi alla "Convenzione europea sul commercio postale e a distanza internazionale" che è alla base dello statuto fondativo dell’Associazione. Questa convenzione regola le relazioni tra l'azienda e il consumatore ed è destinata a contribuire a migliorare l'immagine del commercio a distanza in Russia. Il rispetto delle disposizioni della Convenzione è una delle condizioni chiave per l'adesione all’Associazione.

Utilizzando questo link sul sito web dell’associazione è possibile conoscere le ultime novità del settore dell'e-commerce.

Esportazione online al dettaglio dalla Russia ad altri stati

 

Secondo l’agenzia “Data Insight”, una delle principali tendenze nello sviluppo dei principali mercati russi consiste nell’incremento delle esportazioni al dettaglio online verso i Paesi della Comunità di Stati Indipendenti (CIS), che oltre alla Russia comprende Stati dell'ex Unione Sovietica quali: Bielorussia, Kazakistan, Azerbaigian, Armenia, Kirghizistan, Moldavia, Tagikistan, Uzbekistan.

Ad esempio, Lamoda, oltre che in Russia, vende in Kazakistan, Ucraina e Bielorussia. Wildberries sta espandendo energicamente il suo mercato non solo in Russia, ma anche in Armenia, Bielorussia, Kazakistan e Kirghizistan. Alla fine del 2019, la percentuale nei ricavi dei venditori russi dovuti all’ esportazione nei paesi della CSI ha raggiunto il 43%.

Gli esperti sono sicuri che la tendenza al rapido sviluppo delle esportazioni al dettaglio online dalla Russia continuerà nel 2020.

 

Contribuirà alla crescita l'introduzione di una nuova procedura semplificata per l'esenzione dall'IVA, che sarà applicata all’esportazioni al dettaglio che siano caratterizzate dalle seguenti fasi a partire dal 1° aprile 2020:

1/ Non appena il pacco lascia la Federazione Russa il servizio postale trasmette automaticamente le informazioni relative alla merce al Servizio Doganale Federale.

2/ I dati sono registrati istantaneamente in un'unica banca dati del Servizio Doganale Federale e del Servizio Fiscale Federale (modulo elettronico CN23).

3/ Il venditore invia i dati di conferma al Servizio Doganale Federale.

 

Pertanto, come abbiamo scritto QUI, una posizione commerciale in Russia può aprire la possibilità per il vostro prodotto di entrare nei mercati dei Paesi vicini senza ulteriori sforzi e investimenti da parte vostra.

#vendereinrussia #businessinrussia #exportinrussia #russia #mercatorusso #ecommercerussia #exportareamanager #exportmanagerrussia #exportareamanagerrussia

___________________________________

Associazione delle Società di trading su internet (AKIT)

Alla fine dell'anno, AKIT è divenuta la maggiore organizzazione senza scopo di lucro in Russia, associando le aziende nel campo del commercio elettronico.

Il fatturato totale delle aziende associate alla maggiore associazione degli operatori di commercio “in rete” in Russia (la AKIT) nel 2019 ha superato i 650 miliardi di rubli nel commercio online, mentre le vendite totali al dettaglio sono ammontate a oltre 4,2 trilioni di rubli.

Al momento, AKIT sta operando attivamente per unificare gli standard di e-commerce con organizzazioni straniere simili, quali, ad esempio: European E-Commerce Foundation; British Association of Internet Retailers; IMRG (Interactive Media in Retail Group); Hong Kong Federation Electronic Commerce (HKFEC); China Cross-Border E-Commerce Application Alliance (CCEAA); e molti altri.

Come vendere nei “marketplace” russi?

 

Oggi, i “marketplace” russi non sono solo uno strumento di vendita conveniente, ma anche uno strumento che consente di monitorare le vendite in tempo reale. I dati sulle merci in transito, le scorte, le merci più vendute, i paesi di vendita e molto altro ancora, si possono verificare sul vostro account personale. I grandi “marketplace” come Wildberries offrono ai loro fornitori un potente strumento analitico con la capacità di gestire autonomamente i volumi di vendita. Inoltre, l’uso dei “marketplace” costituisce un'opportunità per il vostro prodotto di entrare nei mercati dei Paesi vicini.

Ma cosa bisogna fare per far apparire il vostro prodotto sulla vetrina virtuale del “marketplace”?

La registrazione di un fornitore in un grande “marketplace” è un processo che richiede tempo ed è principalmente associata a numerosi documenti e certificazioni. Nonostante il fatto che l'elenco dei documenti possa variare leggermente, tutti i principali siti di commercio elettronico richiedono documenti relativi al fornitore, certificati EAS (Certificati di Conformità Eurasia) per i prodotti, conferma del diritto di utilizzare il marchio, registrazione nel sistema di gestione elettronica dei documenti e molto altro.

In relazione alla crescente domanda del mercato, i servizi delle aziende che forniscono prestazioni come la certificazione dei prodotti, la gestione dell'account di un fornitore sulla piattaforma di trading, la creazione dell'account personale del fornitore o l'analisi dei concorrenti presenti nel sistema, sono molto richiesti. Tutti i servizi di cui sopra per portare i vostri prodotti sulla piattaforma di commercio elettronico sono forniti anche dal nostro team, in modo da poter facilmente evitare ludi cartacei per la raccolta di documenti in russo.

Un ruolo importante è svolto dalla promozione dei prodotti: non basta posizionarli su un sito di vendite, è necessario lavorare costantemente per aumentarne il riconoscimento e la popolarità.

La promozione di prodotti su Internet in Russia si caratterizza per una serie di importanti caratteristiche peculiari alla nostra nazione.

Ad esempio, il motore di ricerca più popolare in Russia: Yandex, è essenzialmente analogo ad una versione in lingua russa di Google. Ma è Yandex che si adatta meglio alla lingua russa e spesso la pubblicità dei vostri prodotti qui funziona in modo più efficiente (utilizzando lo strumento Yandex Direct, simile a Google AdWords).

In Russia vi sono reti sociali nazionali. Vkontakte e Odnoklassniki,  simili al social network Facebook, che possono essere utilizzate per promuovere un prodotto o un servizio. La prima rete è più progettata per la parte più attiva e giovanile della popolazione, la seconda è utilizzata prevalentemente da adulti e anziani. Instagram in Russia è un buon strumento di vendita per tutto ciò che è "visivo" - per i prodotti che le foto rendono attraenti.

Le seguenti associazioni sono le più importanti entità senza fine di lucro che craggruppano gli oepratori del commercio elettronico.

News

Russian ecommerce giant Wildberries launches in Europe

January 9, 2020 by Ecommerce News

Wildberries, the largest online retailer of Russia, has officially entered the European Union. The ecommerce company has launched its online store Wildberries.eu in Poland, where it plans to open about 100 branded points of delivery.

READ MORE >

Ecommerce in Russia to reach 19.74 billion euros in 2019

July 26, 2019 by Ecommerce News

Ecommerce in Russia is entering an accelerated development cycle. Ecommerce in Russia is entering an accelerated development cycle. Multiple big online retailers see their revenues grow annually between 50 and 150 percent. That’s the situation outlined by EDWN, which wrote a report on market trends, major player and investment deals in Russian ecommerce.

READ MORE >